Attenzione!
Per la corretta visualizzazione di questo sito
si necessita del plugin Adobe Flash Player® 9 o superiore.

Non è stato rilevato il plugin con queste caratteristiche!
Dal link sottostante puoi collegarti alla pagina per il download.
Adobe Flash Player® [9]+
L'IMPA organizza:
Seminari, Convegni e un Laboratorio teorico-clinico permanente di Psicologia Archetipica
Carl Gustav Jung
(1875 - 1961)
Possessione complessuale e campi archetipici

Assisi

Assisi

Sabato 18 luglio 2009

L’Assisi Institute, in collaborazione con Edizioni Magi, Istituto Mediterraneo di Psicologia Archetipica e Istituto di Ortofonologia, ha promosso all’interno del ciclo annuale di Conferenze in lingua inglese, in occasione del ventesimo anniversario della sua fondazione, una giornata di studi in lingua italiana.

The Country House Hotel – Assisi

Assisi

Programma

ore 10,00-13,00: riflessioni
ore 13,00-15,00: pausa pranzo
ore 15,00-17,00: discussione clinica

Relatori

M. Conforti e R. MondoMichael Conforti, Ph.D., analista junghiano, fondatore e direttore dell’ Assisi Institute


A. AdorisioAntonella Adorisio, analista junghiana CIPA, danzamovimentoterapeuta

M. Di RenzoMagda Di Renzo, Istituto di Ortofonologia, analista junghiana CIPA

Riccardo Mondo, analista junghiano AIPA, fondatore IMPA M. Conforti e L. Turinese
Luigi Turinese, analista junghiano AIPA, presidente IMPA, medico omeopata
L. Turinese e R. Mondo  M. Conforti
L’Assisi Institute, ispirandosi al lavoro di C. G. Jung sui modelli archetipici, promuove ricerche interdisciplinari nel campo degli studi dei rapporti tra psiche e materia, avvalendosi dei contributi della psicologia analitica, delle neuroscienze, della teoria dei sistemi, delle tradizioni spirituali, della mitologia, delle arti.

Costo della giornata € 50,00 (pranzo incluso)

Assisi Conferences

Edizioni Magi

Il commento critico

di Marianna Stinà
La Realtà della Psiche

A traghettarci verso la giornata studio Possessione Complessuale è l’intervento di L. Turinese che propone e ricorda la piattaforma dei concetti storici junghiani più importanti in merito al tema proposto e poggia la sua riflessione su un pensiero basilare: Si può affrontare la possessione complessuale, nella pratica clinica, a patto di conoscere la topografia della psiche e di mantenere un Io in grado di fronteggiarla.
Tale è la solidità, il rigore e lo spessore sonoro ed emozionale di queste parole che arrivano a noi come un monito e sanciscono in questo unico atto della parola il senso di unità tra Psiche e Materia.

A questo punto siamo dentro il campo del seminario che ci predispone ad accogliere la possessione archetipica come strumento di conoscenza capace di ampliare il lavoro sulla complessità della psiche.
M. Conforti e A. AdorisioPoiché la possessione è la manifestazione del campo archetipico attivo in un dato momento nella storia di un individuo, A. Adorisio e M. Conforti propongono una modalità di intervento nella pratica clinica partendo dalla domanda che attraversa entrambi i libri di Conforti: Il codice innato e Sulla Soglia ossia: Qual è il ruolo della ripetitività del campo se non quello di mantenere la continuità con il passato e dunque mantenerne la Forma?. Ma a questa domanda se ne accosta subito un’altra: Qual è la finalità evolutiva di quella ripetizione?
Perché il fine potrebbe piuttosto essere una richiesta psichica volta a depotenziare la nevrosi, come un allarme e al contempo un’occasione per interrompere la ciclicità di un tema complessuale che si autoalimenta.
Depotenziare il campo attivo, in terapia, significa per il terapeuta trovare nuove traiettorie affinché esso possa ampliarsi stabilendo una struttura più complessa, e l’uso di tecniche immaginative potrebbe essere un modificatore di traiettorie. Ma attenzione: il rischio è di cadere nella tentazione, e parlando di possessioni è proprio il caso di usare questo termine, di credere che i nuclei complessuali siano soggetti a risoluzione.
Rapportarsi con l’inconscio è soprattutto fare esperienza del limite, pertanto risuonano come un saldo principio di realtà le parole di R. Mondo che inserendosi con una certa passionalità a questo punto del discorso, sottolineano l’importanza di accettare la fallibilità dell’Io poiché, diversamente, il rischio è di perdere la propria forma, il proprio carattere.

Dopo interessanti ed affascinanti riflessioni teoriche con M. Di Renzo, che presenta un caso clinico di possessione archetipica , si entra nel vivo della pratica clinica.
M. Di RenzoLa narrazione ci conduce per mano dentro lo spazio analitico fino a farci sentire sul corpo il luogo psico-corporeo abitato dalla paziente-bambina. Si attiva negli uditori il sistema somato-viscerale, il blocco psichico e la sensazione di essere letteralmente incastrati nella ripetitività di una forma archetipica ripugnante. Il campo attivato ha a che vedere con l’aggressività e richiama ad una madre terrifica. La modificazione di traiettoria in questo luogo così poco umano è possibile grazie alla capacità di contattare la propria aggressività e modularla attraverso lo strumento più archetipico e psichico che ci appartiene: il corpo. La consapevolezza dello strumento corporeo permette alla terapeuta di allinearsi al campo attivato. La memoria collettiva si manifesta attraverso un richiamo della memoria corporea e la terapeuta si fa contattare dal ritmo della °taranta*, ed inizia a batterlo con il piede. A questo punto del racconto bambina e terapeuta finalmente si incontrano. Il corpo rappresenta quanto di più simbolico e materico possa esserci per modificare ciò che si costella nella relazione terapeutica.
Ancora una volta la cornice di Psiche e Materia in cui questo seminario è inserito fa sentire la sua voce, e fa apparire i relatori come danzatori che balzano su una musica il cui compositore è proprio il corpo inconscio.

M. ConfortiConclude M. Conforti sostenendo che l’elemento fondamentale all’interruzione della possessione dal complesso è la redenzione: E’ la redenzione, e non il perdono, che ci permette di accettare quello che ci accade e ci dà la forza di guardare avanti; pertanto quando, alla fine della terapia, il complesso del paziente bussa ancora alla porta, diventa sano e strutturante rispondere no, e andare avanti .

Marianna Stinà

Assisi - Foto di G. Tarantino

Pubblicato il 15 ottobre 2009, 00:12 da G. T.
Modificato il 31 ottobre 2009, 08:08 da G. T.
Archiviato nella Sezione Convegni
 
Blue is “Darkness made visible”
J.H. - Alchemical blue
 
 
 
 
Laboratorium Alchemicum Imaginale dell'IMPA
Ideazione grafica di S. Pollicina, M. Capace e G. Tarantino

A cura di Gianna Tarantino
Realizzazione di Carmelo Privitera

2009 © IMPA | Tutti i diritti riservati
 
 
L'Istituto Mediterraneo di Psicologia Archetipica (IMPA)
nasce a Catania nell'aprile del 2006 per iniziativa di Riccardo Mondo e Luigi Turinese (Soci Fondatori), nel corso dei festeggiamenti per l'80° compleanno di James Hillman,
che ne è Presidente Onorario
Presidente dell'IMPA è Salvo Pollicina, Vicepresidente Raffaella Bonforte


Vai al sito di
Crocevia Associazione Culturale